Difetti? Si grazie! Valorizziamoci!

DSC_0606 (2)DSC_0606 (2)

Mi capita spesso di aiutare le clienti a valorizzare la loro immagine. In modo automatico, appena raccolgo una richiesta,  si attiva un ologramma mentale di come un determinato abbigliamento possa adattarsi ad una forma fisica ed al tipo di occasione.

Non consiglio mai un capo solo perché è il più costoso, ma consiglio l’abito, il pantalone, il look che davvero farà sorridere, arrossire, emozionare e che soprattutto migliorerà quei difetti che caratterizzano ognuno di noi.

Il consiglio che mi sento di dare oggi è, cerca di indossare ciò che più ti valorizza, non impuntarti su un’idea che hai di te stessa e che non è possibile realizzare, solo perché va di moda ! Il primo passo per stare bene con sé stessi è accettarsi e quindi piacersi, e per farlo basta davvero poco.

Tempo fa mi soffermavo sui dettagli, pensavo e ripensavo alla mia forma fisica: “oddio le smagliature, oddio la cellulite, santo cielo il fianco si allarga sempre di più, non ci credo la mia longuette di Celine B. preferita mi sta sempre più stretta..”..

Beh, ho smesso di farlo. Credo di essere arrivata al mio punto critico dal quale parte finalmente la mia libertà, questo non vuol dire che da un certo momento in poi dobbiamo iniziare a mangiare senza che non ci fosse un domani e ad appollaiarci sul divano ad ogni fine pasto..

Il look che vi propongo oggi è soprattutto per chi come me ha un pò di fianchetto mediterraneo, alla Sophia Loren per intenderci! Ricorda sempre che quello che siamo lo dobbiamo agli spaghetti ;)!

√ Pantalone a palazzo a vita alta

√ Maglioncino bianco peloso H&M

√ Stivali Louboutin.

√ Borsa Michael Kors

 Parola chiave: SINCERITÀ

DSC_0610 DSC_0616 (2)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>